Laicato Domenicano > Eventi > Atti 10° Assemblea delle Fraternite Europee (ECLDF)

Atti 10° Assemblea delle Fraternite Europee (ECLDF)

European Council ECLDF

Con l’avvicinarsi del 3° Congresso Internazionale del Laicato Domenicano (ICLDF) riportiamo la nostra traduzione italiana degli atti della 10° Assemblea del Laicato Europeo. Alcuni temi che saranno trattati sono stati sollecitati proprio dall’Assemblea Europea. Gli atti originali in inglese possono essere scaricati dal sito ECLDF

CONSIGLIO EUROPEO

DELLE FRATERNITE LAICHE DOMINICANE

(ECLDF)

ATTI DEL 10 ° ASSEMBLEA

DELLE FRATERNITE LAICHE DOMINICANE EUROPEE

FATIMA

4 – 8 ottobre 2017

 

INTRODUZIONE

Il Consiglio Europeo delle Fraternite Laiche Domenicane 2014-2017, eletto a Bologna, era composto da:

Leny Beemer- de Vas Presidente
Olga Rozhnikova Segretario
Aksel Misje Tesoriere
Arnaud Kientz Responsabile della Comunicazione
Eva Zudorova Responsabile della Formazione / Missione

Come membro europeo dell’ICLDF (Consiglio Internazionale delle Fraternite Laiche Domenicane, NdT), a Klaus Bornewasser è stata concessa un’estensione al suo periodo fino all’assemblea dell’ICLDF nel 2018.

Fr. Rui Carlos Lopes è stato il Promotore Generale durante questo mandato.

I membri dell’ECLDF provenivano da cinque diversi paesi e sono diventati una buona squadra, lavorando sodo ma anche con attenzione fraterna alle circostanze personali e familiari di ogni membro, uniti nelle preghiere.

 

RAPPORTO ECLDF 2014-2017

PORTARE LA DURATA  DEL CONSIGLIO A TRE ANNI

Il consiglio è stato eletto per 4 anni, quindi normalmente la prossima Assemblea ECLDF sarebbe dovuta essere nel 2018. Ma l’ICLDF, a causa dell’anno giubilare dell’Ordine, ha cambiato l’anno della sua Assemblea internazionale dal 2017 (10 anni dopo Buenos Aires) al 2018. L’ECLDF ha deciso, dopo molti dubbi e discussioni, di tenere l’assemblea ECLDF sei mesi prima: invece di maggio 2018 è diventato ottobre 2017.

 

OBIETTIVO ECLDF NEL PERIODO 2014-2017

L’ex ECLDF 2011-2014 ha dato priorità alla formazione e alla comunicazione.

In un certo senso, la parte di formazione è stata più o meno completata con la presentazione di un progetto formativo, realizzato da un gruppo di lavoro speciale e terminato dopo la discussione nella plenaria dell’Assemblea ECLDF di Bologna 2014.

L’ECLDF 2014-2017 ha voluto dare priorità anche alla comunicazione europea, ma più specificamente alla nostra missione di laici domenicani d’Europa.

A questo scopo il compito del Responsabile della Formazione è stato ampliato per includere la Missione. Allo stesso tempo, il Consiglio ha parlato del modo in cui lavorare su questi obiettivi.

L’anno giubilare dell’Ordine (800 anni) è stato un punto di attenzione, cercando di trovare un modo per avere attività peculiari per i Laici Domenicani Europei.

TEMA PRINCIPALE E CREAZIONE DELLA CATENA DI PREDICATORI DI SPERANZA

Di fronte a un mondo e una chiesa fragili, con circostanze sociali e familiari fragili abbiamo trovato parole per la nostra missione di laici domenicani in quel mondo in cui partecipiamo: i laici domenicani sono chiamati ad essere predicatori di speranza. Questo tema è diventato la linea guida principale per l’ECLDF. Per questo motivo abbiamo inventato la “Catena dei predicatori della speranza” e il tema della prossima Assemblea della ECLDF era fatto. In quel progetto, ogni Provincia/Vicariato poteva narrare delle storie circa il loro essere predicatori di speranza durante il periodo fino all’Assemblea dell’ECLDF del 2017, e queste storie sono state pubblicate sul sito dell’ECLDF. Questo progetto ha funzionato allo stesso tempo come un buon modo di comunicazione tra le Fraternite Domenicane Laiche d’Europa, sapendo molto di più l’un l’altro riguardo alla propria missione. Eva Zudorova ha organizzato la catena di predicatori di speranza invitando tutte le Province/Vicariati a partecipare e facendo un calendario che mostrava quando la prossima Provincia/Vicariato avrebbe dato il proprio contributo alla catena.

In questo contesto abbiamo invitato i laici domenicani a parlare nelle loro fraternita su questi temi e a raccogliere alcune delle storie personali sulle loro esperienze di predicatori e di speranza nelle loro vite. La nostra catena è iniziata nel novembre 2015, in concomitanza con il Giubileo, e con una preghiera dal Nordic Vicariate Dacia (Svezia, Norvegia, Finlandia), poi altre Province si sono unite: Elisabetta Vondrous di Vienna ha condiviso con noi un’esperienza della mostra su la seconda guerra mondiale: “Comprendere la seconda guerra mondiale ci aiuterà a capire il mondo di oggi e trovare modi per un futuro migliore”, ha affermato. La Provincia d’Irlanda ha inviato una Preghiera “per gli stanchi , per coloro che si sentono sconfitti, per coloro che si sentono come dei falliti…”. La Provincia del Regno Unito (Inghilterra, Scozia e Galles) ha scritto una lettera al Vicariato della Lituania , Lettonia ed Estonia: “Alcuni dei nostri membri lavorano con i giovani studenti in catechesi, qualcuno lavora con i bambini disturbati, altri lavorano con i senzatetto, uno è un cappellano laico in una prigione di massima sicurezza , qualcuno è una catechista di strada, altri lavorano nelle scuole e nelle università”. La catena è continuata con il vicariato di Lituania, Lettonia ed Estonia. Hanno condiviso con noi una storia professionale di Gabrielius Edvinas Klimenka OP, laico domenicano e teologo. La Provincia russa e l’Ucraina ci hanno raccontato una bellissima storia di Radoslava Chernukha una donna straordinaria, che lavorava come ingegnere di costruzione e progettazione in una compagnia aerea ed era anche laica domenicana. I laici domenicani della Provincia di Polonia ci hanno raccontato cinque storie di speranza della vita quotidiana. La Provincia Slovacca, ispirata da una lettera del Maestro dell’Ordine, ha organizzato “Una notte di veglia”: 28 confraternite in tutta la Slovacchia hanno pregato per 31 notti per quelli che sono in cerca di Dio e coloro che Domenico portava nel suo cuore: “i poveri , i peccatori e quelli che stanno perdendo la speranza “. I laici domenicani nella Repubblica Ceca ha messo un altro meraviglioso link nella catena dei Predicatori di Speranza, S. Zdislava di Lemberk. Si sono concentrati su St. Zdislava e le hanno chiesto di intercedere per l’Europa, perché la base di una società europea sana può essere trovata solo in famiglie sane e bambini cresciuti nell’amore e nei giusti valori. La provincia di Teutonia ha contribuito con una bella storia della signora Susanne Witte, una laica domenicana, che ha sempre dato una nuova speranza nella sua vita. Come hanno scritto: “Ha creato un punto di ancoraggio, offerto protezione e riparo, un porto per molti”. Dai Paesi Bassi, tre laici domenicani hanno condiviso con noi come Cristo sta lavorando nella vita delle persone nella nostra società altamente secolarizzata. La Provincia di Sant’Alberto Magno della Germania meridionale e dell’Austria, ha condiviso una storia sul rinnovo delle fraternita laiche domenicane. Laici domenicani dalla Francia hanno contribuito alla Catena con l’organizzazione e l’animazione di incontri stagionali durante la Quaresima, aperti a tutti coloro che erano a Parigi in quel periodo. Quattro belle storie dall’Ungheria ci hanno detto che la speranza cristiana è viva e testimoniata dalla vita della gente comune. ‘La speranza non muore mai, se ogni ultima goccia proviene da QUEL MANAGER’. – è una citazione da un poema ungherese. Viktor e James di Malta ci hanno detto che quando la speranza in Gesù Cristo sarà diffusa in tutto il mondo e sarà abbracciata da tutti i popoli di tutte le nazioni, le ingiustizie, gli sfruttamenti, la violenza e le guerre finiranno. La Provincia spagnola ha condiviso con noi attraverso Micael una triste e allo stesso tempo gioiosa storia di perdite e guadagni nella sua vita, verso una nuova risurrezione e una nuova vita. Poco prima dell’Assemblea di Fatima abbiamo ricevuto bellissimi contributi da Bulgaria, Italia e Portogallo. Tutti i contributi sono pubblicati sul sito web dell’ECLDF www.ecldf.net (In realtà non sono presenti contributi dalle Province Italiane NdT).

Nonostante alcune difficoltà, una lunga catena di predicatori di speranza è stata creata nei due anni da quasi tutte le province europee.

 

RIUNIONI, VISITE E ALTRE COMUNICAZIONI DEL CONSIGLIO 2014 – 2017

  • Le riunioni del Consiglio si sono svolte rispettivamente a Huissen (Paesi Bassi), Beaufort (Francia), Oslo (Norvegia), due volte a Roma (Italia) a motivo della concomitanza dell’incontro con l’apertura e la chiusura dell’anno giubilare e infine in Portogallo per preparare l’Assemblea sul posto. Durante questi incontri ci sono stati anche incontri con laici domenicani e membri locali della famiglia domenicana. A Roma, nel novembre 2015, a Santa Sabina abbiamo avuto un incontro speciale con il Maestro dell’Ordine. Bruno Cadore.
  • È stato un peccato che fr. Rui non è stato in grado di unirsi a tutte le riunioni del Consiglio. A Huissen e Oslo non poteva essere presente a causa di altri impegni e ,a causa di una caduta che gli ha causato un grave infortunio al ginocchio, si è dovuto riposare per un lungo periodo di tempo. Anche Klaus Bornewasser non ha potuto partecipare agli incontri.
  • Oltre agli incontri in diversi posti domenicani come menzionato sopra, il Consiglio ha anche avuto incontri Skype ogni due mesi.
  • Membri della ECLDF hanno visitato Province/Vicariati: Arnaud Kientz ha visitato la Provincia del Sud-Germania / Austria; Eva Zudorova ha visitato la Provincia di Boemia e anche la Provincia di Polonia (ritiro annuale a Korbielow ); Leny Beemer la Provincia di Dacia (un evento giubilare a Lund-Svezia) e in seguito è stata presente ad un Festival a Fanjeaux con la Provincia di Francia.
  • C’è stata anche una comunicazione fraterna via e-mail con le Province/Vicariati e anche con altri rami dell’Ordine, ad esempio 1DYM.
  • È stata inviata e pubblicata una normale newsletter dell’ECLDF.

 

Durante tutte le riunioni sono stati introdotti tutti i tipi di domande da discutere:

cosa è necessario per creare una nuova fraternità; cosa fare con i conflitti all’interno delle fraternità; come accogliere anche fratelli e sorelle protestanti nella vostra fraternità; che dire dei membri o dei candidati divorziati e risposati; cosa fare quando i membri di una fraternita non vengono mai alle riunioni; cosa fare con membri anziani e malati; eccetera.

Una mozione speciale su uno di questi temi è stata inviata dalla Vice-Provincia del Belgio per essere discussa nella prossima Assemblea dell’ECLDF.

 

ALTRE ATTIVITÀ ECLDF 2014-2017

  • Rinnovare il sito Web ECLDF e Facebook

Una delle prime attività è stata il rinnovo del sito Web e dell’archivio dell’ECLDF.

Karin Bornhijm (Paesi Bassi), che ha svolto un ottimo lavoro a Bologna come segretaria e webmaster ECLDF, ha collaborato con Arnaud Kientz, Eva Zudorova e Leny Beemer a questo progetto. Siamo stati molto contenti di ricevere un regalo generoso dalla provincia svizzera, quindi abbiamo deciso di far costruire il nuovo sito da un professionista. Già nel 2015 il nuovo sito web dell’ECLDF era online.

Anche la nostra pagina Facebook è stata aggiornata, organizzata da Olga Rozhni Kova e Arnaud Kientz.

  • Digitalizzazione degli archivi ECLDF

Sul vecchio sito Web molti documenti erano già stati archiviati. Ma sapevamo che a Roma c’erano ancora diverse scatole con materiale d’archivio. Dopo il Congresso giubilare di chiusura a Santa Sabina a Roma, siamo stati in grado di digitalizzare l’intero archivio, ora disponibile per il prossimo ECLDF su un’area riservata del sito Web e anche su un disco rigido esterno. Questo è stato un grande lavoro, ma ci siamo riusciti nel breve tempo che avevamo a Roma.

  • Finanze

Aksel Misje , tesoriere di ECLDF 2014-2017, ha curato la situazione finanziaria dell’ECLDF durante il periodo di mandato del Consiglio per il 2014-2017. Ha trovato alcune difficoltà all’inizio:

  • la banca PAX ha chiesto molti documenti prima di accederci al conto
  • non sono stati trovati nei conti correnti bancari tutti i soldi che ci aspettavamo
  • non tutte le Province/Vicariati hanno pagato i loro contributi annuali

Per questo, diversi solleciti sono stati inviati in modo fraterno, con successo. Nel frattempo abbiamo cercato di ridurre al minimo i nostri costi. L’ECLDF ha anche avviato un fondo speciale per sostenere le province povere, se necessario, per consentire ai membri di partecipare alle assemblee europee.

L’ECLDF 2014-2017 è riuscito a finire con quasi lo stesso bilancio di quando siamo partiti, nonostante i costi aggiuntivi che abbiamo avuto a causa del secondo soggiorno a Roma in occasione del Congresso chiudendo l’anno giubilare gennaio 2017.

 

ORGANIZZAZIONE PER IL 10 ° ASSEMBLEA ECLDF

Posto

A Bologna sono stati proposti due posti per l’Assemblea: Huissen (Paesi Bassi) e La Tourette (Francia). Entrambi i posti erano piuttosto costosi e fr. Rui, il nostro Promotore Generale portoghese , ha suggerito Fatima come un luogo molto stimolante, che sarebbe molto meno costoso. Così, è diventato Fatima. Per caso, il 2017 è a Fatima un anno giubilare: 100 anni fa tre bambini hanno ricevuto diversi messaggi dalla Madonna, la Vergine Maria.

Relatori

Abbiamo trovato tre relatori disposti a venire a parlare sul tema dell’Assemblea dal loro punto di vista: fr. Bruno Cadore , fr. Timothy Radcliffe e Sr. Yosé Hohne-Sparboth. È stato chiesto a Timothy e Yosé di preparare delle domande relative ai loro interventi  in modo che i partecipanti all’Assemblea ne potessero parlare tra loro nei gruppi di lavoro nelle diverse lingue. Abbiamo davvero il privilegio di avere questi tre relatori all’Assemblea. Testi, riassunti o rapporti possono essere trovati come appendici degli Atti.

liturgie

Un altro problema erano le liturgie dell’Assemblea. Abbiamo deciso di avere tre momenti di liturgia tutti i giorni: Lodi, Messa e Vespri. Ma oltre a questi tre momenti è stato decise, essendo a Fatima, di recitare anche il Rosario ogni giorno. Per questo abbiamo invitato quattro diverse Province/Vicariati a preparare la Preghiera del Rosario con uno dei quattro Misteri. Per il resto, Leny Beemer si è assunta la responsabilità di preparare tutte le celebrazioni. Ruth Anne Henderson è stata di grande aiuto nel trovare i testi corretti in inglese per tutte le liturgie dell’Assemblea. Abbiamo deciso anche di chiedere a diversi delegati brevi riflessioni e preghiere speciali , ed è stata scritta una preghiera per l’assemblea. Abbiamo deciso di invitare Theo Menting (un musicista di chiesa olandese / direttore del coro e laico domenicano) a dirigere le parti di canto, facendo le prove ogni sera dell’Assemblea con coloro che si erano offerti volontari. Ma ahimè per tristi motivi familiari non è stato in grado di venire. Cristina Busto (Portogallo) ha trovato il musicista portoghese Luis Manuel Gaspar Cerqueira , che è stato così generoso da fornire il supporto musicale per il canto delle liturgie durante l’Assemblea.

Inviti e Moduli

Oltre alle convocazioni formali e agli inviti a tutte le province, alcuni moduli dovevano essere compilati e aggiornati: moduli di registrazione, moduli di autorizzazione e modelli per le informazioni della Provincia / Vicariato. Tutti questi documenti sono stati inviati. Sono stati necessari diversi solleciti per recuperare tutti i documenti, ma alla fine è andato a posto. E’stato un peccato che alcuni Province/Vicariati / Paesi non hanno potuto essere presenti all’Assemblea: Malta, la Polonia, il Regno Unito, Francia e Tolosa, l’Ucraina e la Russia, Croazia.

 

Verbale e pubblicazioni sul sito web

Con l’aiuto di Sergio Branco, Karin Bornhijm si è occupata nuovamente dei verbali dell’Assemblea e delle pubblicazioni su Internet.

Hotel a Fatima ed escursione a Batalha

L’ECLDF ha ricevuto un grande aiuto da due meravigliosi laici domenicani del Portogallo: Gabriel Silva e Cristina Busto. Senza il loro aiuto sarebbe stato impossibile organizzare tutte le sistemazioni per l’Assemblea. L’ho tl Casa das Irmas Dominicanas era un bel posto domenicano per l’assemblea con la generosità fraterna delle suore domenicane. Per tutti i partecipanti era disponibile una stanza ad un prezzo molto basso. Per le riunioni dell’Assemblea si potevano usare tutte le stanze e per la liturgia a cappella delle suore. Un autobus è stato organizzato per l’escursione alla famosa ex abbazia di Batalha. Gabriel e Christina si sono occupati dell’elenco dei delegati e hanno comunicato tutto alle sorelle e ai dipendenti dell’hotel prima e durante l’assemblea.

I regali

Come in tutte le Assemblee della ECLDF, a tutti i partecipanti è stato offerto un dono come ricordo. Olga Rozhnikova ha organizzato un bellissimo scudo domenicano realizzato da un amico / artista russo per tutti i partecipanti all’Assemblea.

Note e punti di discussione

Le raccomandazioni per il prossimo Consiglio circa le finanze sono:

  • Budget annuali per ogni anno solare in base ai redditi e ai costi stimati. Relazioni finanziarie 31.12.2017.
  • Il fondo di sostegno deve essere continuato.
  • Per quanto riguarda i beni non disponibili di GOFundME, questi devono essere considerati come persi e deve essere utilizzato un altro servizio più affidabile

 

Il Consiglio ha chiesto all’Assemblea di riflettere su quali argomenti o temi dovrebbero essere assegnati al prossimo Consiglio. Uno dei delegati del Nord Italia ha chiesto l’uso di più lingue. L’Assemblea ha riconosciuto il problema attuale delle lingue, ma ha rilevato che la precedente Assemblea di Bologna ha accettato solo l’uso dell’inglese, perché l’uso di più lingue rende la comunicazione ancora più complessa e non ci sono soldi per i traduttori / interpreti.

 

Proposta della Vice Provincia del Belgio

La Vice Provincia del Belgio ha presentato una mozione con diverse domande all’Assemblea sulla controversa questione dei membri divorziati risposati e di altri membri che vivono nelle cosiddette situazioni irregolari, nelle fraternita laicali domenicane.

I delegati del Belgio hanno dato alla plenaria dell’Assemblea prima una spiegazione della mozione. Vogliono promuovere temi che riguardano tutti i laici domenicani. In secondo luogo vorrebbero una posizione comune di tutti i laici domenicani da presentare all’ICLDF attraverso l’ECLDF. Se possibile, è stato chiesto all’Assemblea di approvare la mozione. Se non fosse possibile avere una posizione comune, l’Assemblea è stata invitata a trasmetterla al prossimo Consiglio. Il Presidente ha osservato che il tema era già un problema durante l’Assemblea Internazionale di Buenos Aires nel 2007. L’ECLDF non ha l’autorità per cambiare le cose nella Chiesa. Ma è possibile discutere l’argomento ed esprimerlo nell’Ordine e nella Chiesa come una preoccupazione reale. Nella nostra Regola i divorziati non sono esclusi. Il Consiglio pensa che non sia una buona idea rendere la posizione immediatamente formale nella Chiesa. Come membri della Chiesa, non possiamo fare il cambiamento da soli. Così dobbiamo essere prudenti e parlarne. Oltre a ciò l’Assemblea non è rappresentativa di tutte le fraternita laiche europee ed è per questo che dovremmo fare una dichiarazione. Fr. Rui ha dato una breve risposta a ciò che è stato detto dal Consiglio e fornirà materiale su questo argomento.

Ha ricordato all’Assemblea che ci sarà un’Assemblea internazionale l’anno prossimo e ha chiesto all’Assemblea europea di non causare una divisione, ma di metterlo come argomento all’ordine del giorno in modo che possa essere discusso a livello internazionale. Oltre a ciò, ha detto che sarebbe stato bello portare questo tema nelle discussioni delle fraternite.

Dopo la discussione l’ECLDF formulato una risposta scritta sulla mozione per la Vice-Provincia del Belgio e ha promesso di inviare questa risposta a tutte Province/Vicariati d’Europa con la raccomandazione di discutere la questione durante il prossimo anno in tutte le fraternita al fine di metterlo all’ordine del giorno dell’Assemblea ICLDF 2018.

 

RAPPORTO ICLDF

Klaus Bornewasser è il rappresentante europeo nel Consiglio internazionale (ICLDF). L’ICLDF sta preparando un’assemblea dell’ICLDF nel 2018, sempre a Fatima. Ci ha detto che ci sarà un rapporto finanziario del 1CLDF alla fine dell’anno. La situazione finanziaria dell’ICLDF non è buona, perché molte fraternita non pagano il contributo annuale di 1,50 euro all’anno per membro. Klaus ha invitato fortemente tutte le fraternita a pagare la loro contribuzione, anche retroattivamente. Si riferisce alla sua email di agosto 2017. Questa mail viene inviata di nuovo e lui spera che le fraternite la studino, discutano e reagiscano. Il rapporto che Klaus ha pubblicato sarà pubblicato sul sito web dell’ECLDF.

 

NOMINE – TRACTATUS – ELEZIONI

Candidati

Dopo alcune informazioni formali relative agli Statuti ECLDF, è stato pubblicato un elenco di Candidati venerdì 6 ottobre 2017 come di seguito

ECLDF ICLDF
Sergio Branco Gabriel Silva
Maro Botica Damien MacDonnell
Damien McDonnnell Nicolette Muranyi
Felix Hoffmann Eva Zudorova
Elisabeth Leidinger
Nicolette Muranyi
Ludovic Namurois
Vilija Semetiene
Dita Zdislava Kralova

 

Tractatus ed elezioni

Il tractatus su questi nominativi ha avuto luogo sabato 8 ottobre 2017 in un’atmosfera fraterna.

L’Assemblea ha discusso su tutti i candidati separatamente secondo lo Statuto. Tutti i candidati hanno ottime capacità e motivazioni.

Ecco l’elenco dei rappresentanti autorizzati a votare nel corpo elettorale:

PROVINCIA/VICARIATO / ECLDF NOME VOTAZIONE DESTRA
Belgio Ludovic NAMUROIS
Boemia Jiri MACHACIK
Bulgaria Maya BEGOVA
DACIA Malin LOMAN
ECLDF Leny BEEMER
ECLDF Eva ZUDOROVA
ECLDF Olga ROZHNIKOVA
ECLDF Aksel MISJE
ECLDF Arnaud KIENTZ
Helvetia Evelyn Von STEFFENS
Hispania Jose Vicente VILA CASTELLAR
Ungheria Nicolette MURANYI
Irlanda Patrick HICKEY
Italie North- Saint Dom Ruth Anne HENDERSON
Italia sud Concetta (Tina) CALO
Lituania Vilija SEMETIENE
Olanda Anneke GRUNDER
Portogallo Cristina BUSTO
Slovacchia Silvester PONIgT
Germania meridionale e Austria Gabriele NEU-YILIK
Teutonia Margarete BURKART

 

L’Assemblea ha eletto Maro Botica (Spagna), Damien McDonnnell (Irlanda), Felix Hoffmann (Germania meridionale / Austria), Ludovic Namurois (Belgio) e Vilija Seemetiene (Lituania) come membri del nuovo Consiglio in due turni di votazione. L’Assemblea ha eletto Gabriel Silva come rappresentante per il Consiglio internazionale (ICLDF) in un turno di votazione; il suo mandato inizierà dopo l’assemblea dell’ICLDF 2018.

 

RIUNIONE SOCIALE CON I LAICI DOMENICANI DEL  PORTOGALLO, IDYM E DOMINICAN VOLUNTEERS

Dopo tutte le delibere formali e le elezioni di sabato 7 ottobre 2017, è stata una grande gioia avere, in primo luogo, la cena insieme a molti laici portoghesi, membri dell’IDYM (rappresentato da Monica Marco) e un entusiastico gruppo internazionale di Dominican Volunteers. Abbiamo avuto una grande serata sociale insieme a una presentazione molto interessante di Monica Marco (IDYM) sulle loro attività e organizzazione e poi una presentazione di alcuni membri dei Dominican Volunteers. Suonando, cantando e persino ballando, ci siamo goduti lo stare insieme fraterno.

Mentre la festa era in corso, il vecchio e nuovo Consiglio si sono scambiati tutti i documenti ufficiali su un hard disk e scambiato ogni tipo di informazione.

 

CHIUSURA DELL’ASSEMBLEA 8 OTTOBRE 2017

Nella cappella, domenica mattina 8 ottobre, abbiamo celebrato insieme alle suore, ai volontari domenicani e all’IDYM una piccola cerimonia per il passaggio di consegne al nuovo Consiglio europeo. Dopo aver fatto una foto di gruppo di fronte all’hotel, ci siamo recati per l’ultima volta nella Sala per chiudere l’Assemblea.

 

Il presidente uscente Leny Beemer ha sottolineato che è responsabilità del vecchio Consiglio scrivere gli Atti. Tutti i partecipanti hanno ricevuto un modulo di valutazione dell’Assemblea. Tutti sono stati invitati a completarli e a consegnarli al vecchio Consiglio, che provvederà a passare i moduli al nuovo Consiglio insieme agli Atti.

 

Riconoscimenti speciali sono stati dati ai volontari per l’Assemblea: Karin e Sergio, Louis, le suore del convento dell’hotel e, ultimo ma non meno importante, Gabriel Silva e Cristina Busto. Anche grazie a tutti i delegati per aver dato fiducia al vecchio ECLDF e aver collaborato così bene durante questa Assemblea di Fatima. Alla fine ognuno ha preso una piccola bottiglia di Porto.

 

Con grande fiducia nel nuovo programma ECLDF 2017-2021 e ancora una volta con la preghiera dell’Assemblea , si è chiusa la 10ª Assemblea dell’ECLDF .

 

Appendici pubblicate sul sito web dell’ECLDF

  1. Programma dell’Assemblea
  2. Liturgie dell’Assemblea
  3. Preghiera dell’Assemblea
  4. Relazione di presentazione di Powerpoint ECLDF 2014-2017
  5. Modelli con informazioni delle Province/Vicariati presentati all’Assemblea
  6. Elenco di indirizzi di tutti i delegati, osservatori e promotori dell’Assemblea
  7. Minute giornalieri dell’Assemblea
  8. Riassunto del discorso di fr. Bruno Cadore
  9. Testo del discorso di Timothy Radcliffe
  10. Riassunto del discorso di Yose Hohne-Sparborth
  11. Relazione finanziaria ECLDF 2014-2017 (da completare dopo l’Assemblea fino a gennaio 2018)
  12. Foto dell’Assemblea

Firma ECLDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

WhatsApp chat WhatsApp us