Laicato Domenicano > Dossier Documenti > fr Timothy Radcliffe op > fr Radcliffe: comunione difficile nella Famiglia Domenicana

fr Radcliffe: comunione difficile nella Famiglia Domenicana

fr timothy radcliffe missione

fr timothy radcliffePapa Francesco parla con insistenza dell’unità, di uscire dalle comodità delle nostre stanze, di superare le barriere della divisione.
Il nostro ordine è forse immune da questi richiami? Sicuramente no ma almeno li abbiamo iniziati ad affrontare per tempo.

All’Assemblea della Famiglia Domenicana del 2000 a Manila, fr, Timohty Radcliffe op, Maestro dell’Ordine dal 1992 al 2001, tenne un discorso che anticipava di 13 anni tutte le tematiche di papa Francesco. Un discorso che conserva ancora oggi la sua freschezza e l’attualità delle sue domande.
Fr. Radcliffe constatava come fosse difficile uscire dalle proprie sicurezze, o insicurezze, per costruire quell’unità a cui siamo chiamati. Riportava l’esempio attualissimo delle difficoltà di riconoscimento della missione dei laici nella Chiesa, un tema aperto dal Concilio Vaticano II e ripreso ancora, perché inattuato, dalla Evangelii Gaudium e dalla lettera del Maestro fr. Bruno Cadoré op ai laici di recente pubblicazione.

La domanda rimane sempre la stessa: come possiamo predicare se non riusciamo nemmeno a creare una vera comunione fra i rami dell’Ordine?
Il Giubileo del 2016 rappresenta una occasione meravigliosa per raggiungere questo bellissimo obiettivo: aiutarci fraternamente nella missione comune della predicazione dove si riconosca all’altro uguale dignità di predicazione, senza barriere o distinzioni.

Il testo del discorso di fr. Radcliffe costituisce ancora oggi il punto di partenza della riflessione personale. Per questo motivo lo riproponiamo in italiano, affinché possa trovare la massima diffusione in tutta la Famiglia Domenicana.

Scaricare il discorso di fr. Timothy Radcliff op

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.